Ultime recensioni

martedì 1 agosto 2017

[Recensione] LA DONNA DI GHIACCIO - Robert Bryndza

Buongiorno amici lettori,
oggi vi parlerò di un bellissimo Thriller edito dalla Newton Compton, LA DONNA DI GHIACCIO, 1° libro di una serie che vede come protagonista la "Detective Erika Foster", creata dalla penna di Robert Bryndza.

Genere: Thriller
Casa editrice: Newton Compton
Data di Uscita: 25 Maggio 2017
Prezzo: € 9.90 - Ebook € 2.99


Sinossi: Il corpo congelato. Occhi spalancati e labbra socchiuse. Come se fosse morta mentre era sul punto di parlare…
Quando un ragazzo scopre il cadavere di una donna sotto una spessa lastra di ghiaccio in un parco di Londra, la detective Erika Foster viene subito incaricata dell’indagine sull’omicidio. La vittima, giovane, ricca e molto conosciuta negli ambienti della Londra bene, sembrava condurre una vita perfetta. Ma quando Erika comincia a scavare più a fondo tra le pieghe nascoste della sua esistenza, trova degli strani punti di collegamento tra quell’omicidio e l’uccisione di tre prostitute, assassinate secondo un macabro e preciso rituale. Ma chi era veramente la ragazza nel ghiaccio? Quali segreti nascondeva? Il ritratto che ne dà la famiglia corrisponde alla verità? Erika ha l’impressione che tutti gli elementi a cui si aggrappa nel corso delle ricerche le scivolino via dalle dita, ma è cocciuta, determinata e disposta a qualunque cosa pur di arrivare a capire che cosa si cela dietro quella morte violenta…
Il thriller che ha terrorizzato centinaia di migliaia di lettori in Inghilterra è destinato a diventare un vero fenomeno anche all’estero.

Serie "Detective Erika Foster"
#1. LA DONNA DI GHIACCIO
#2. The Night Stalker
#3. Dark Water
#4. Last Breath


LA DONNA DI GHIACCIO è il romanzo di debutto di Robert Bryndza che apre ufficialmente le porte a una serie con protagonista l’agente Erika Foster!


Il romanzo inizia da subito con un omicidio: una donna viene uccisa ed il suo corpo ritrovato nel freddo ghiaccio. Incaricata dell’indagine è l’agente Foster, appena arrivata a Londra. Per la nuova agente non è facile farsi spazio in una nuova città, in una diversa centrale di polizia e soprattutto con colleghi maschi non proprio facili da gestire. Se poi l’uccisione della donna, che si scopre essere figlia di un Lord e miliardario imprenditore, è collegata con quella di altre quattro prostitute, il caso si fa sempre più complicato. Cosa c’è dietro a queste morti? Erika non si arrende e anche se va contro a tutti e tutto vuole scoprire la verità e trovare l’assassino seriale.

Due mondi si scontrano e vediamo diversi tipi di poliziotti alle prese con il caso: quelli eticamente corretti e quelli influenzati dal potere. Questo romanzo è una storia con molti temi che fanno riflettere ed è sicuramente molto attuale. 

Il lettore viene fin da subito coinvolto nel caso, attraverso la terza persona segue gli spostamenti di tutti i personaggi. La trama è ben intrecciata, ricca di suspense e colpi di scena. Indizio dopo indizio si arriva al colpevole e nel mentre veniamo a conoscenza del passato della protagonista. Infatti è lei il vero punto forte: Erika, donna ormai sola dopo la morte del marito, con tanti scheletri nell’armadio, è tenace, anche se distrutta dentro. Riuscirà con la sua deduzione e intelligenza a risolvere il caso, a portare alla luce la verità, scontrandosi a volte anche con i suoi colleghi, con i politici e le autorità. È strano come spesso siano proprio gli autori uomini a tratteggiare le donne indipendenti, piene di sorprese e con una forza d’animo inimitabile. Bryndza riesce davvero a rendere reale la sua protagonista! Il passato di Erika è certamente molto complicato e pieno di dolore, è a causa di questo che dedica tutta se stessa all’indagine, è come se per risolvere i suoi problemi dovesse prima risolvere quelli degli altri. E ci riesce perché il caso lo risolve.

Con dialoghi realistici e descrizioni vivide, il lettore viene trasportato nella storia senza riuscire a fermarsi. 
Anche se non porta niente di nuovo al genere, il romanzo è piacevole, scritto meravigliosamente e lascia la curiosità di conoscere sempre di più Erika Foster.

Bravo Robert!


Nessun commento:

Posta un commento