Ultime recensioni

giovedì 3 agosto 2017

[Recensione] LE STRANE LOGICHE DELL'AMORE

Buongiorno Impertinenti, 
oggi vi parlo di LE STRANE LOGICHE DELL'AMORE di Tania Paxia, un Romance Contemporaneo uscito a Maggio per la Newton Compton.


Genere: Romance Contemporaneo
Casa editrice: Newton Compton
Data di Uscita: 4 Maggio 2017
Prezzo: €9.90 - Ebook €0.99

Sinossi: A volte il destino ti fa leggere il libro giusto...
Cameo Pink MacKenzie ha sangue inglese e americano nelle vene, ventisei anni, e vive in un monolocale a Londra insieme al suo adorato cane Flash. Per pagarsi l’affitto dà una mano alla madre nella sala da tè di Notting Hill, ma la sua vera passione sono i libri e dedica la maggior parte del tempo a recensirli sul suo blog Another book in the wall, ormai seguitissimo. Purtroppo, oltre alla cronica mancanza di lavoro, nella sua vita il vero assente è l’amore. Chase, otto mesi fa, l’ha lasciata per una ragazza svedese, e si è pure trasferito in Scandinavia. Da allora, il deserto. Se non fosse che la sua attenzione ricade sulla copia che una casa editrice le manda in anteprima per una recensione, e la foto dello scrittore esordiente ritratto in copertina la colpisce come non le succedeva da tempo. Qualche sera dopo, a un concerto a cui ha accompagnato un’amica, per errore rovescia un bicchiere di birra addosso a un tipo, in cui riconosce il ragazzo del libro. Ma nei giorni seguenti troppe cose intorno a quel romanzo e al suo autore non quadrano e per Cameo diventerà quasi un’ossessione scoprire cosa si nasconde dietro al misterioso Tristan Moseley…

Una storia romanticissima e frizzante nella luccicante cornice di Notting Hill


LE STRANE LOGICHE DELL’AMORE è un romanzo che, dopo aver avuto molto successo in versione self, è stato pubblicato dalla Newton. Non avevo letto la prima versione quindi mi sono avvicinata alla lettura senza saperne molto. La copertina mi aveva colpito ma ho iniziato a leggerlo perché affascinata dalla trama e dalle molte recensioni positive.

Cameo Pink McKenzie, la nostra protagonista, deve il suo nome alla mamma hippy che ha deciso di chiamarla come una variante del colore rosa. Vissuta tra la California e Londra, dopo la separazione dei due genitori, si stabilisce definitivamente in quest’ultima rinunciando ai suoi sogni per seguire il suo amore Chase. Non s’immagina che, dopo tre anni, lui deciderà di lasciarla per una ragazza svedese trasferendosi in Svezia. La conosciamo a sei mesi dall’abbandono di Chase, immersa nelle sue amate letture e senza un lavoro fisso. Un giorno riceve, da una delle tante case editrici con cui collabora, un libro da leggere e recensire in anteprima di un giovane autore emergente, Tristan Moseley. Cameo s’immerge nella lettura e rimane affascinata dalla scrittura di quest’autore. Qualche giorno dopo, mentre sta girovagando per una libreria, scopre che è stato appena pubblicato l’ultimo romanzo di una delle sue autrici preferite. Lì, però, fa una scoperta sconcertante: infatti, il romanzo della scrittrice di fama mondiale, è lo stesso che lei ha appena finito di leggere, con la stessa trama, la stessa copertina e lo stesso titolo “Sweet Olivia”. Come può il romanzo di Tristan Moseley essere stato pubblicato con un altro nome? E soprattutto perché? Cameo, spinta dalla sua curiosità decide di adoperarsi per scoprire la verità.

Il romanzo, raccontato in prima persona dalla protagonista Cameo Pink, è leggero, semplice e scorrevole ma personalmente non mi ha trasmesso molte emozioni. Ho trovato l’inizio un po' lento e avrei evitato le molte, troppe, descrizioni sull’organizzazione del matrimonio della cugina. I personaggi sarebbero dovuti essere approfonditi maggiormente ma ho apprezzato che siano persone semplici con vite normali e per questo realistici. Cameo Pink è una blogger amante dei libri ed è stato molto bello ritrovare in lei comportamenti tipici di noi lettrici seriali. È stato semplice immedesimarsi in lei che aspetta con trepidazione il corriere e mi ha permesso di entrare in sintonia col personaggio. Mi è piaciuto tanto anche il rapporto tra Cameo Pink e sua cugina, solido e forte. Tristan, che dovrebbe incarnare l’uomo ideale, non è riuscito a trasmettermi tante emozioni forse per il poco spazio assegnatogli. Nota negativa: il finale troppo sbrigativo e poco dettagliato.

Tra brutte figure, bugie e pedinamenti, Cameo si avvicinerà a Tristan e si accorgerà che l’amore a volte è più importante di tutto, persino della verità.
In definitiva una lettura senza molte pretese che consiglio a chi ha bisogno di una storia semplice per passare qualche ora.

1 commento: