Ultime recensioni

giovedì 5 gennaio 2017

[Recensione] LA CURA DEL CUORE - Mary McNear


Ho iniziato dal terzo volume di una serie composta di romanzi autoconclusivi.

Ciò non toglie che leggerò anche gli altri due.

Genere: Romance Contemporaneo
Casa editrice: Leggereditore
Data di Uscita: 3 Novembre 2016
Prezzo: € 14.90 – Ebook € 1.99

Sinossi: Quando Mila Jones lascia Minneapolis alla volta di Butternut Lake, spera soltanto di ritrovare la serenità perduta e lasciarsi alle spalle un passato difficile. Non immagina che il destino la condurrà sulla strada di Reid Ford, segnato nel corpo e nello spirito da un grave incidente in seguito al quale ha allontanato da sé gli amici e gli affetti più cari. Mila accetta di lavorare per lui come assistente domiciliare, e se inizialmente è diffidente e spaventata di fronte a quell’uomo così pieno di rabbia, a poco a poco riesce a instaurare con lui un legame sempre più profondo, fatto di complicità e comprensione reciproca. Sullo sfondo incantevole di uno chalet immerso nei boschi che circondano il lago, Mila e Reid troveranno insieme la forza per affrontare un nuovo inizio, percorrendo fianco a fianco la via verso la guarigione. Fino a quando qualcosa non riemergerà dal passato, inesorabile e pericoloso, a minacciare la loro felicità...

Serie “The Butternut Lake”
#1. I desideri nascosti del cuore
#2. Le scelte della vita
#2,5. The Night Before Christmas
#3. LA CURA DEL CUORE
#4. The Space Between Sisters



Mary NcNear è un’autrice che mi era del tutto sconosciuta. Come al solito mi faccio coinvolgere dai titoli e dalle copertine, poi se la trama cattura la mia attenzione allora prendo e leggo, altrimenti vado oltre.

LA CURA DEL CUORE è un bel romanzo, soprattutto la prima parte. Nella vita penso sempre che la prima parte di qualsiasi cosa sia la migliore, forse perché c’è sempre il fattore novità a intrigare.

La trama si concentra, proprio nella prima parte, su Mila che trova la forza di abbandonare la sua condizione di moglie maltrattata. Percepisco la sua ansia, la sua paura, il suo desiderio di essere trasparente agli occhi del mondo. In questo la scrittrice è stata molto brava perché da lettrici viviamo la storia di una donna che cerca una seconda possibilità. Da un certo punto in poi la sua storia si collega con quella del suo paziente, un bel ragazzo che a causa di un incidente è costretto su una sedia a rotelle. Il suo nome è Reid e vive come se fosse il fantasma di se stesso perché, ricordando la vita iperattiva che conduceva prima, ha deciso di prendersela con il mondo intero. Fino a quando Mila non lo riporta nel suo corpo e gli ridà la voglia di combattere perché sta maturando nei suoi confronti un sentimento molto forte. Un altro esempio di seconda opportunità. Il romanzo è decisamente per palati dolci e per tutte coloro che vedono il bicchiere mezzo pieno.

Da questo momento in poi la trama diventa un po’ sdolcinata, un po’ troppo inverosimile per quanto riguarda il comportamento di Reid che da orso musone si trasforma in piccolo cucciolotto bisognoso di coccole. Qui ho storto un po’ il naso. Lo stesso dicasi quando entra in scena Brandon, il marito violento di Mila. Che sia ossessionato dalla moglie ci sta, ma che abbia questa botta di fortuna che la nipote della datrice di lavoro di Mila non rispetti la segretezza della privacy, beh, questa mi sa di svista che fa perdere un po’ di credibilità. Qui ci avrei visto bene un po’ di violenza, qualche scena di ricatto o una bella pistola in mano solo per rendere Brandon ancora più violento e senza possibilità di perdono da parte delle lettrici.


Questo romanzo ha risvegliato in me ricordi di alcuni film come A LETTO CON IL NEMICO o il più recente IO PRIMA DI TE. Per spiegarmi meglio, è come se fossero stati presi pezzi di storie importanti e messi insieme. Il risultato è stato abbastanza omogeneo, nel rispetto delle storie d’amore a lieto fine, ma senza dubbio lo avrei preferito investito di una marcata vena suspense che avrebbe creato più interesse. Niente di nuovo all’orizzonte ma in ogni caso piacevole da leggere.

   

Nessun commento:

Posta un commento